Alone in the dark

l_eremita

Per la prima volta da anni ho esaurito i giga a disposizione sullo smartphone. wind mi ha gentilmente messaggiato che da ieri in poi avrei navigato a velocità ridotta. non avevo idea che per velocità ridotta si intedesse “col cazzo che userai l’internet in ogni sua forma ed estensione”. Così sono due giorni che non posso ascoltare spotify, google mi carica la situazione del traffico quando ormai sono imbottigliato nell’inferno del raccordo anulare, le notifiche mi arrivano due ore dopo e di leggere quello che accade nel mondo non se ne parla proprio. Direte voi, cari lettori, “ma che non c’avete il wifi in ufficio?”. Come no? abbiamo la fibrastocazzo ma che per ragioni che catalogheremo sotto la voce “murphymaiunagioia” perde il segnale proprio prima della mia stanza. “Vabbè ma tanto hai il pc, una connessione, sei attrezzato, dai. sempre a lamentarti” certo ma la direzione ha messo dei blocchi sui firewall tali per cui la mia socialità si riduce alla lettura delle email (cari ragazzi di emp, non le vostre, siete finiti nello spam). la vita si normalizza solo una volta tornato a casa.

è una storia molto triste, so che alcuni di voi si saranno commossi ma sono i giorni della dichiarazione dei redditi, almeno saprete a chi devolvere il vostro 5×1000.

Commenti

Bl@ster ha detto:

Pianto amaro

virus ha detto:

ma non puoi capire il dolore. fisico.

Lascia un commento